Ponte alle Grazie
2015
Il tocco, il rimedio, la parola.

Il tocco, il rimedio, la parola.

La comunicazione tra medico e paziente come strumento terapeutico.

Nel V secolo a.C. Ippocrate aveva già formulato una “ricetta” estremamente efficace e universale: solo “il tocco, il rimedio, la parola” possono davvero guarire. Sono passati più di due millenni, eppure gli insegnamenti del padre della medicina sembrano spesso ignorati. Paradossalmente, gli enormi passi avanti in campo scientifico e tecnologico hanno fornito ai medici di oggi strumenti potentissimi dal punto di vista diagnostico, terapeutico e farmacologico, rendendo tuttavia il rapporto tra medico e paziente sempre più distaccato e frettoloso. L’iperspecializzazione e al tempo stesso la scarsa formazione agli aspetti relazionali della professione, i ritmi di lavoro sempre più stressanti e le lungaggini burocratiche non fanno che peggiorare la situazione. Le autrici affrontano numerosi meccanismi psicologici che entrano in gioco nella relazione tra medico e assistito – come ottenere la ‘compliance’ del paziente, come sfruttare il celebre effetto placebo e insieme scongiurare l’effetto nocebo o il fenomeno dell’overdiagnosis, sintomo di una società sempre più ipocondriaca. L’approccio è di tipo strategico, con un’ampia casistica di accorgimenti linguistici e suggestivi utili per non incorrere nelle trappole che incidono negativamente sull’esito del trattamento. Prefazione di Giorgio Nardone.